titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Stornelli d'esilio

Autore testo:  Pietro Gori
Anno: 
1904

O profughi d'Italia a la ventura si va senza rimpianti nè paura. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Dei miseri le turbe sollevando fummo d'ogni nazione messi al bando. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Dovunque uno sfruttato si ribelli noi troveremo schiere di fratelli. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Raminghi per le terre e per i mari per un'Idea lasciamo i nostri cari. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Passiam di plebi varie tra i dolori de la nazione umana precursori. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Ma torneranno Italia i tuoi proscritti ad agitar la face dei diritti. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta.

La Mi7 O profughi d'Italia a la ventura La si va senza rimpianti nè paura. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Dei miseri le turbe sollevando fummo d'ogni nazione messi al bando. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Dovunque uno sfruttato si ribelli noi troveremo schiere di fratelli. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Raminghi per le terre e per i mari per un'Idea lasciamo i nostri cari. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Passiam di plebi varie tra i dolori de la nazione umana precursori. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta. Ma torneranno Italia i tuoi proscritti ad agitar la face dei diritti. Nostra patria è il mondo intero nostra legge è la libertà ed un pensiero ribelle in cor ci sta.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Probabilmente scritti dopo l'espulsione dalla Svizzera a seguito dell'attentato di Caserio, pubblicata in “Canti anarchici rivoluzionari”, Paterson, N.J., Biblioteca della Questione Sociale, 1898. Canzone molto popolare, in alcune regioni presenta delle varianti, non solo nel ritornello (“libero” al posto di “ribelle”) ma anche nelle strofe che vengono adattate al momento contingente.

Da: S. Catanuto e F. Schirone, Il canto anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Milano, zeroincondotta, 2009.

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Pietro Gori
Anno: 
1904
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
You must have Javascript enabled to use this form.

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31