titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

O mamma traditora

O mamma traditora ch’io va ch’io m’innamora Ch’io va, ch’io va ch’io m’innamora di un giovane imbosca’ Un giovane imboscato mi bacia e poi va via E a me, e a me povera figlia mi lascia a sospira’ E io glie lo domando amor quando ritorni Torno, torno ‘sta primavera colla santa bandiè’ Colla santa bandiera che gridano le donne E se, e se l’Italia dorme la famo risvejà’

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Registrazione di Sandro Portelli, Montasola (Rieti) 29/06/1970. Informatrici Maddalena, Irma e Penelope Colletti e Amabilia Leti. La registrazione originale del brano è conservata presso l’Archivio Sonoro “Franco Coggiola” del Circolo Gianni Bosio, Roma

"Una canzone della prima guerra mondiale che mostra come spesso le canzoni popolari nascondano un contenuto rivoluzionario sotto apparenze innocue. Qui infatti, oltre all’evidente non conformismo del fatto di innamorarsi di un imboscato in tempi di propaganda militarista, esistono una serie di elementi che mostrano come si tratti di una vera e propria canzone rivoluzionaria: la “santa bandiera” con ogni probabilità non è il tricolore (in mano all’imboscato?), ma proprio quella “rossa santissima bandiera” di cui parlano altre canzoni socialiste dell’epoca; il verso sul risveglio dell’Italia riecheggia gli slogan socialisti dei primi del secolo; le “grida delle donne” stanno a indicare le frequenti rivolte per il pane e per il ritorno degli uomini dal fronte di cui le donne furono protagonoste in tutta Italia durante la guerra."

(Note da Sara Modigliani, CD Ma che razza de città, Materiali Musicali,  i CD de Il Manifesto, 2007)

Indicazioni bibliografiche

Sara Modigliani, CD Ma che razza de città, Materiali Musicali,  i CD de Il Manifesto, 2007

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Commenti

Ritratto di Roberta - ilDeposito

Questo canto ci è stato comunicato dal coro "Voci arcutinate" di Trieste, a Bologna, il 26 settembre 2015, nell'ambito di CorAzone, raduno internazionale di cori sociali, organizzato dall' Hard Coro De' Marchi e Scuola Popolare di Musica Ivan Illich

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30