titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

L'eccidio di Modena

Fu nel ‘50, in un giorno nefasto sparsero sangue il 9 di gennaio han trucidato 6 giovani operai che protestavano per chieder lavor Il proprietario delle fonderie una serrata aveva ordinato ma gli operai avevan lottato ma per difendere il posto di lavor Il boss fascista Adolfo Orsi e Mario Scelba suo degno compare a sangue freddo fecero sparare su quella folla seminando terror Angelo Appiani, Arturo Malagoli Chiappelli Arturo e Renzo Bersani E poi Rovatti e Garagnani Furon colpiti dal piombo crudel E Piazza Roma in due ore è gremita di una gran folla tra rabbia e sgomento qualcuno grida è arrivato il momento della riscossa della rivoluzion Trecentomila lavoratori ai funerali sfilarono muti passi pesanti, Modena è in lutto per cento anni nel lutto sarà

Informazioni

Canto comunicatoci dall'autrice del testo, che ricorda come Il 9 gennaio 1950, la polizia di Scelba apriva il fuoco premeditatamente, a sangue freddo, sugli operai che protestavano contro la serrata delle Fonderie Riunite di Modena.
La melodia è quella del canto Ascoltate o popolo ignorante , ovvero di Addio padre e madre addio

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento L'eccidio di Modena (19 January 1950).

Scheda del canto

Autore testo:  Bruna Montorsi
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31