titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Il prezzo del mondo

  • Fausto Amodei
Autore testo:  Fausto Amodei
Anno: 
1965

Tutto quanto ha un'etichetta con un prezzo di mercato; tutto quanto è lì che aspetta solo d'essere comprato. C'era un mondo tutto nostro destinato a tutti quanti ed adesso lo dobbiamo comperare dai mercanti. Ci han rubato tutto il mondo ch'era nostro di diritto per rivendercelo e trarne del profitto. Affittiamo il mondo ad ore da chi l'ha ridotto in pezzi: nessun pezzo ha più valore ma soltanto più dei prezzi. Eravamo tutti eguali; l'eguaglianza è andata in fumo, ci han persuasi a ricomprarla come bene di consumo. Ci han rubato l'abbondanza per rivendercela adesso sotto forma di conquista del successo. L'uomo ormai riesce a trovare qualcheduno che gli crede non per quello che sa fare ma per quello che possiede. Ci han rubato poco a poco i cervelli ed anche i cuori ci han persuasi a stare al gioco in veste di consumatori. Ci permettono soltanto di acquistare i loro doni concedendoci uno sconto se stiam buoni. Ricordiamoci che il mondo siamo noi che lo facciamo ogni giorno dando fondo alla forza che vendiamo che il denaro guadagnato per produrre il mondo tutto ci permette di comprarne solo un pezzo ch'è il più brutto. Questo vecchio mondo d'oggi riponiamolo da un canto chè non merita il più piccolo rimpianto e che il mondo torni nostro tutto quanto.

Dom Solm Re7 Sol La Re La Re Tutto quanto ha un'etichetta Sol Mi La Re con un prezzo di mercato; La Re La RE tutto quanto è lì che aspetta Solm Dom Do#dim Re7 solo d'essere comprato. Solm Dom Solm C'era un mondo tutto nostro Dom Solm destinato a tutti quanti Dom Solm ed adesso lo dobbiamo La7 Re7 comperare dai mercanti. Solm Dom Solm Ci han rubato tutto il mondo Dom Solm ch'era nostro di diritto Dom per rivendercelo Solm Re7Solm e trarne del profitto. Affittiamo il mondo ad ore da chi l'ha ridotto in pezzi: nessun pezzo ha più valore ma soltanto più dei prezzi. Eravamo tutti eguali; l'eguaglianza è andata in fumo, ci han persuasi a ricomprarla come bene di consumo. Ci han rubato l'abbondanza per rivendercela adesso sotto forma di conquista del successo. L'uomo ormai riesce a trovare qualcheduno che gli crede non per quello che sa fare ma per quello che possiede. Ci han rubato poco a poco i cervelli ed anche i cuori ci han persuasi a stare al gioco in veste di consumatori. Ci permettono soltanto di acquistare i loro doni concedendoci uno sconto se stiam buoni. Ricordiamoci che il mondo siamo noi che lo facciamo ogni giorno dando fondo alla forza che vendiamo che il denaro guadagnato per produrre il mondo tutto ci permette di comprarne solo un pezzo ch'è il più brutto. Questo vecchio mondo d'oggi riponiamolo da un canto chè non merita il più piccolo rimpianto Dom e che il mondo Solm La7Re7Solm torni nostro tutto quanto.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Fausto Amodei, Canzoni Didascaliche, Dischi del Sole, 1965

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Fausto Amodei
Anno: 
1965
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
You must have Javascript enabled to use this form.

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31