titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Ballata del soldato Adeodato

Era nato sfortunato, di famiglia contadina: dalla madre, una beghina fu educato. Amava le stelle ma non potè vederle che di notte. Fu per bene battezzato, ricevette ogni notizia sulla ritmica letizia del creato. Amava le stelle.. Fu convinto che il buon Dio benedice i gagliardetti e che i re sono perfetti. Crebbe pio. Amava le stelle A vent'anni andò soldato per la Patria e per il Re e per Dio: ma tutti e tre l'han fregato. Amava le stelle Quando furono sul fronte comandava l'ufficiale di tirare sopra un tale dietro il ponte. Amava le stelle Poiché quello era il nemico, lui sparò, col dito, piano; gli brillava sulla mano il sole antico. Amava le stelle Il nemico cadde giù, ma improvviso su quel ponte venne scuro l'orizzonte e così fu che con un tiro ben segnato ed un colpo forte forte abbracciò sorella morte Adeodato Amava le stelle, ma non potè vederle quella notte.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Jona Emilio, Straniero Michele L., Cantacronache - Un'avventura politico-musicale degli anni cinquanta, Torino, Crel, 1995

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore musica: 
Anno: 
1960
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).
You must have Javascript enabled to use this form.

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30