titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Vinni cu' vinni, e cc'è lu triculuri

Vinni cu' vinni, e cc'è lu triculuri, vinniru milli famusi guirreri, vinni 'Aribaldi lu libiraturi: 'nta lu so cori paura nun teni. Ora sì ca finíu Ciccu Burbuni, la terra si cci apríu sutta li pédi': fu pri chist'omu ccu la fataciumi, ca la Sicilia, fu libira arreri.

Per il presente canto sono disponibili le seguenti traduzioni:

Informazioni

Pubblicata la prima volta nel 1867, poi inserita da Leydi in Canti sociali italiani (Milano 1963).

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  siciliano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31