titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Un giorno Mussolini andò al balcone

Introduzione: Questa è la storia der passato ch'era finito ed è ricominciato, queste è la storia del presente ché se ce guardi nun capisci gnente. Ma è puro la storia del futuro, chi la capisce ce pò annà sicuro ------------------- Un giorno Mussolini andò al balcone e disse che facessero attenzione, che aveva ricevuto li dispacci, che je mannava i baci la Petacci. E poi disse "Ho un modo novo perchè er gallo faccia l'ovo! Vittoria o fuga, dovete adoperà er bagnasciuga" Er re se vorse allora a la riggina e disse "Senti un po', montenegrina, qui si nun se combina n'antra lega finisce tutti quanto che ce frega!" Je rispose la riggina: "Caro re, perdirindina, lo sai che vojo, che je lo metti in culo co' Badojo". Se venne allora ar granne guazzabujo che fu chiamato "er venticinque lujo". Er duce fu portato all'ospedale ma er re nun vole che je fanno male. J'hanno tolto lo stipendio ma poi tutto quell'incendio a poco a poco l'hanno smorzato sotto ar coprifuoco E s'arivenne allora ar tira e molla, c'erano i pezzi, ma nun c'era colla. E li fascisti se so' convertiti, e l'itajani fecero li partiti. Ma poi vennero i tedeschi, tutti quanti stamo freschi. Ma la Nazione ci ha er Comitato de Liberazione Er re e l'è squajata ar primo sole, ce vole la repubblica, ce vole. e chi la vole farsa e chi la vera, nessuno vole più camicia nera! Nun importa si è lontano er sordato ammericano quello che 'mporta che de priggione ce apreno la porta! E quando sorte chi 'n priggione è stato l'hai da vedé che razza de bbucato! Chi ha fatto er male ce l'ha da pagà, chi ha fatto er bene lo po' continuà. Rifaremo, sacramento, er governo e 'r parlamento. Rivoluzione! N'ammazza più er cervello che 'r bastone! Ragazzi, sotto che c'è la battaja e maledite, donne, chi se squaja! E chi annerà pe' mare e chi pe' monte, chi more ha da morì la palla 'n fronte. Quando soneno l'appello ogni omo è mi fratello. Chi more spera che n'antro j'arriccoje la bandiera! E la bandiera è bianca, verde e rossa ma er fascio sta seporto nella fossa e su ce starà scritta quella data che tutt'Itaja avremo liberata. Libertà nun mette fiore si sei nato servitore. Risorgimento, te faccelo sbocciare cor tuo vento! Asciughete quell'occhi, mamma mia, ché doppo er pianto viene l'allegria. Io ci ho i capelli neri e tu l'hai bianchi, te vojo fà contenta finché campi. E me vò' sposà 'na Tizia ch'è la fija de Giustizia e dall'amore ce nascheno du' fiji: fede ed onore.

La Mi7 Un giorno Mussolini andò al balcone LA e disse che facessero attenzione, Mi7 che aveva ricevuto li dispacci, La che je mannava i baci la Petacci. Mi7 La E poi disse "Ho un modo novo Mi7 La perchè er gallo faccia l'ovo! Mi7 Vittoria o fuga, La dovete adoperà er bagnasciuga" Er re se vorse allora a la riggina e disse "Senti un po', montenegrina, qui si nun se combina n'antra lega finisce tutti quanto che ce frega!" Je rispose la riggina: "Caro re, perdirindina, lo sai che vojo, che je lo metti in culo co' Badojo". Se venne allora ar granne guazzabujo che fu chiamato "er venticinque lujo". Er duce fu portato all'ospedale ma er re nun vole che je fanno male. J'hanno tolto lo stipendio ma poi tutto quell'incendio a poco a poco l'hanno smorzato sotto ar coprifuoco E s'arivenne allora ar tira e molla, c'erano i pezzi, ma nun c'era colla. E li fascisti se so' convertiti, e l'itajani fecero li partiti. Ma poi vennero i tedeschi, tutti quanti stamo freschi. Ma la Nazione ci ha er Comitato de Liberazione Er re e l'è squajata ar primo sole, ce vole la repubblica, ce vole. e chi la vole farsa e chi la vera, nessuno vole più camicia nera! Nun importa si è lontano er sordato ammericano quello che 'mporta ce de priggione ce apreno la porta! E quando sorte chi 'n priggione è stato l'hai da vedé che razza de bbucato! Chi ha fatto er male ce l'ha da pagà, chi ha fatto er bene lo po' continuà. Rifaremo, sacramento, er governo e 'r parlamento. Rivoluzione! N'ammazza più er cervello che 'r bastone! Ragazzi, sotto che c'è la battaja e maledite, donne, chi se squaja! E chi annerà pe' mare e chi pe' monte, chi more ha da morì la palla 'n fronte. Quando soneno l'appello ogni omo è mi fratello. Chi more spera che n'antro j'arricoje la bandiera! E la bandiera è bianca, verde e rossa ma er fascio sta seporto nella fossa e su ce starà scritta quella data che tutt'Itaja avremo liberata. Libertà nun mette fiore si sei nato servitore. Risorgimento, te faccelo sbocciare cor tuo vento! Asciughete quell'occhi, mamma mia, ché doppo er pianto viene l'allegria. Io ci ho i capelli neri e tu l'hai bianchi, te vojo fà contenta finché campi. E me vò' sposà 'na Tizia ch'è la fija de Giustizia e dall'amore ce nascheno du' fiji: fede ed onore.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Sull'aria degli "Stornelli del Sor Capanna".

Indicazioni bibliografiche

Savona A. Virgilio, Straniero Michele L., Canti della Resistenza italiana, Milano, Rizzoli, 1985

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Franco Antonicelli
Anno: 
1943
Tags:  antifascisti
Lingua:  romanesco
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31