titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Un cavallo si lamenta

Autore testo:  Bertold Brecht
Anno: 
1931

Tiravo il mio carro senza più forze lungo la Frankfurter Allee Fu lì che pensai: O je! Come son stanco Se mi lasciassi andare per un momento Forse cadrei per sempre Due minuti dopo non restavano di me [che ossa nude. Perchè non appena sfinito crollai e il padrone si precipitava al primo telefono. Gente affamata mi fu sopra coi coltelli per disputarsi l'un con l'altro la mia carne. Non attesero neppure che finissi almeno [di crepare. Era la gente che conoscevo diversa la stessa che prima mi dava del pane e mi metteva i sacchi sul dorso per proteggermi dalle mosche. Ieri tanto umana e oggi tanto disumana. S'eran d'improvviso trasformati [in tante belve. Come mai? Morendo, pensai: quanto gelo è sceso tra loro per renderli senza pietà? Chi li ha frustati così? E chi continua ancora a frustarli? Se voi non saprete dar loro una mano questa volta vi succederà qualcosa [di terribile...

Informazioni

Titolo originale: O Falladah, die du hangest!  trad. G. Strehler,  Cantata da Milva nell'album "Milva canta Brecht" Vol. 2 del 1975

Qui il testo originale tedesco

Indicazioni bibliografiche

Federico: phedefico@yahoo.it

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Bertold Brecht
Autore musica: 
Anno: 
1931
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30