titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Tiro a segno

E' chiaro che un giorno di festa ognuno va dove va: amore, osteria, juke-box, cinemà. Ma non giudicatelo indegno il vecchio, un po' frusto, tiro a segno. Dieci colpi, cento lire - il tiro a segno "Universal" dieci centri da colpire - per un ricco premio final. Molti tipi d bersagli . fantocci, pipe, vecchi general, avvocati ed ammiragli - scrittori e gente d'affar. C'è un ministro. un ciambellano, un consigliere e accanto a sua Maestà, un addetto, un capo-gabinetto: tanti bei palloni d'ogni qualità. C'è il ruffiano di un potente - la mantenuta d'un industrial, un censore intransigente - e un Principe omosessual. Sia detto che, se vi diverte, ognuno va dove va: amore, il ballo, la partita, il cinemà. Ma, se preferite sfogare il vostro ingegno c'è il mio tiro a segno Su sparate cittadini - sul servo sciocco e sul protettor sul mercante di bambini - sul boia e sul dittator, sugli sbirri e i parrucconi - sui baciapile e i leccaltar sui fascisti e sui cialtroni - e sui capitani d'affar. Dieci colpi, su brava gente, sparate e vedrete saltar vecchie pipe, grossi palloni d'azoto vuoto. E su tutto quel rottame - vedrete che dileguerà il fantasma della fame e questo il mio premio sarà.

Indicazioni bibliografiche

Jona Emilio, Straniero Michele L., Cantacronache - Un'avventura politico-musicale degli anni cinquanta, Torino, Crel, 1996

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31