titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Ti sa miga

Ti sa miga cossa xe Marghera: xe quel logo dove el mar ghe gera tanto tempo fa pensa: xe cascà un pianeta in mar tuto infogà. Pensa: l'aria la xe quasi morta, tuto el cielo brusa come carta, fiame vien e va alte sora el mar no se pol vardar el fogo pol ciecar. Case vecie a Campalto e in Bàia ghe n'è tante piene da maràia anca quele par le se brusarà le deventarà case nove da fitàr. Tuto brusa no capisso come i pensieri me deventa fiame foghi vien e va no vorìa pensar ma i va su i vien xo come el Redentor. Ti sa miga i copi che se lava mi vorìa che venisse la piova «piova piova vien che te vogio ben che te vogio mal piova va in canal».

Indicazioni bibliografiche

D'Amico Alberto, Ariva i barbari, Edizioni del gallo, 1973

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Alberto D'Amico
Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30