titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Strofette satiriche antifasciste

Mateòti, Mateòti, grande martire d'Italia Musolin coi gambe a l'aria lo faremo fucilare, Mussolino traditore, che a l'Italia fè teróre Mateòti uomo d'onore, lo faremo incoronar, Mateòti uomo d'onore, lo faremo incoronar. Ta senterét che ròba o Rosa stèla che pitansèla che 'l vén föra de lì ‘nscì quan’ sarà ben bé rüstì. Rosa stèla sta a sentir, ciapa 'l Duce e fal rüstì che 'l bötér ghe 'l mète mi, l'ó comprat incö al mesdì. con conturno de spinàs te ghe agiünget öna Petàs e con quater fasulì, Farinacci e fa bulì. Ta senterét che ròba o Rosa stèla che pitansèla che 'l ven föra de lì ‘nscì quan ' sarà bèn bé rüstì. (parodia di "Rosabella del Molise") Tute le sére 'ndo ‘n lèi sènsa mangià perché 'l Benito 'l m’à dit de risparmià, mentre i inglés i mangia 'l rost i Italià i cicia i òs per tè sucù de lègn sta 'n pé söl dit marmèl. (sull'aria di "Lilì Marlene") Addio panini imburrati, salami affettati vi devo lasciar ora che siam tesserati, abbiamo finito così di mangiar. La gioventù non sta più su, si sente un certo languor in Italia si vive d'amor. Non ti potrò scordare, o bella pagnottella, tu sei la sola stella, che brillerà per me. Ricordi le patate, piantate al Valentino ci manca pure il vino, di fame ci fan morir! (sull'aria di "Piemontesina bella") O Musso, o Musso te m’é ciavà pulito te m’é calà la paga te m’é cressù 'l'afito, quando bandiera rossa se cantava, almén 'na volta al giorno se mangiava e adesso che se canta Giovinessa gha trema i gambe da la debolessa Come l'è stà, come l'è 'ndà, l'è stà Benito che 'l m’à fregà, e al fin de la questiùn, j è stà i fascisti col bastùn. (sull'aria di "Allarmi siam fascisti") Giovinessa pé ‘n tal cü giovinessa pé ‘n tal cü primavera di tristessa, pé ‘n tal cü del fascismo pé ‘n tal cü l’è la schifessa pé ‘n tal cü de la nostra civiltà. Pé ‘n tal cü, pé ‘n tal cü, pé ‘n tal cü (parodia di "Giovinezza")

Informazioni

Si tratta di strofette e parodie di diverse canzonette d'epoca e di inni fascisti, raccolti da vari ricercatori in Lombardia e Piemonte.
Incise nel cd "Legàmi" (2005) da Sandra e Mimmo Boninelli. A questo link:
http://www.sandraboninelli.it/download/video/ttb/sandra_boninelli_-_strofette_satiriche.mpg
un video di questi brani.

Mateòti Mateòti: Reg. R Leydi. Inf. Palma Facchetti, Cologno al Serio (BG), 4 luglio 1964
Te senterét che roba o Rosa stèla: Reg. Cesare Bermani. Inf. Enrica Calvi, Zogno (BG), maggio 1964.
Tute le sére ‘ndo ‘n lèi sènsa mangià: Reg. Riccardo Schwamenthal. Inf. Piero Soglian, Ornella Nardari, Gianpiero Bossi, Bergamo, 23 novembre 1965.
Addio panini imburrati: Reg. originale C.Bermani. Inf. gruppo di partigiani di Mondovì (CN), 31 marzo 1964.

Sulle parodie antifasciste sul tema della fame e della speculazione, vedi: http://www.anpi.it/patria_2007/011/12-17_COLOMBARA.pdf

Fonte

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Tags:  antifascisti
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30