titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Speta anca ti co mi

Speta anca ti co mi che gh'è la mola de piover no sta aver furia, no stame lassar no far che vada 'ste ore pressiose che forse un giorno ti rimpiansarà. Se buta ciaro in fondo verso Stucky Nina, vol dir ch'el temporal xe 'ndà. Tra poco andemo fora in fondamenta te dago un baso e vado a lavorar. I lo ciama imbrogiar robarghe el pan ai altri quei che un lavoro tuti i giorni i lo g'ha già quei che xe sempre a posto co la lege e co la cossienza che da noialtri no li g'ha niente da imparar. Quei che no g'ha miseria che no i g'ha visto fame che al mondo i sa come che se lo g'ha da ciapar. No xe un lavoro el nostro degno de alcun rispeto ma el so rispeto ormai me lo so' desmentegà. Ciapo la barca e vado al Troncheto bato foresti e sigo in venessian. Nome e cognome al ghebi, un'altra multa se zonta un altro conto da pagar. Xe sempre tuto un conto e no ghe bado un bruto apuntamento 'sta preson se se ritrova tuti ogni ano i stessi musi, le stesse condizion. I lo ciama imbrogiar...

Informazioni

La canzone allude al mestiere di tassista abusivo.

Indicazioni bibliografiche

Bertelli Gualtiero, Mi voria saver, Edizioni del gallo, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Gualtiero Bertelli
Anno: 
1975
Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30