titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Sirma in lotta

Senti el mato che sona sto mite ritornello una canzone facile che entra nel cervello la Nuova Sirma è bella con tubi e gran mattoni se non ci fosse Paolo che rompesse i maroni Ti che ti ciapi schei a palanche vendi el boschetto con òmini e piante baratta la Sirma ogni matina, cossa ti vol che [ciapa bambina pi-po-pi-po-pi-po i n'ha messo in strada co l'abito da Sirma e no sera a far el pagiasso per Porto Marghera che mi ghe vogio cussì tanto ben! (ah si! bueòn! anca iu!) Senti Paolino, vien qua e fame un subioto in 'sti 4 anni ti ga fatto un gran casotto se stava cussì ben, schei a sbregabalòn adesso dentro in Sirma se ghe lassa anca un polmòn! pi-po-pi-po-pi-po i n'ha messo in strada co l'abito da Sirma e no da sera a far el pagiasso per Porto Marghera che mi ghe vogio cussì tanto ben! (ah si! bueòn! anca iu!) Chi xe quel gran moltòn, chi xe quel gran goldòn far nasser sta battaglia, far nasser sta battaglia Chi xe quel gran moltòn, chi xe quel gran goldòn far nasser sta battaglia che no la ga ragiòn El vol seràr la Sirma, lassarne tutti a casa nol pensa a nialtri che gavemo na famegia una coscienza sporca, con tanti bei sorrisi in culo ce la mette con la scusa della crisi Contratti-formasiòn scadùi e non rinnovài el me diga dove 'ndemo, el me diga dove 'ndemo! trovarse n'altro lavoro, restar disocupai gavemo un futuro da italiani malciapài Na forsa indescrivibile, no se vardava a spese fasevimo 70 anche milla rulli al mese sparìe le materie prime, lavoro solo de scarti la conclusiòn de Paolo: "ghe se la crisi: ciapa [e parti" El magna pan e volpe de sera e de matina el cerca strategie per farse na fortuna ne cambia tanti capi, no basta 10 all'anno purchè no li sappia un casso, i vegna e i fassa el [danno Ne ga calà anca la mensa, no impiegati e operai el fine suo xe ultimo de farse i capitali sorrisi e sorrisetti, faccia finta e sorrisoni el ne par na clonazione del sior Silvio Berlusconi O cara Saint-Gobain perchè ci vuoi lasciare e tu, signor Cacciari, lei ci sa per ben imbrogliare soffrire è da umani, ma no farse incular! sennò semo a le solite, che i operai deve pagar!

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31