titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Signor padrone non si arrabbi

"Signor padrone, non sì arrabbi se al gabinetto devo andare" "Ci sei stato l’altro ieri, tutti i giorni ci vuoi andare mi vuoi proprio rovinare, la catena fai rallentar" "Signor padrone, ci prometto che da domani non ci vado: mangio solo roba in brodo e farò solo pipì, la faccio qui!" "Vai, ma sbrigati in tre minuti: come è scritto nel contratto non si fuma al gabinetto, non si legge l’Unità: c’è il periscopio che ti vedrà." Tre secondi per arrivarci, tre secondi per spogliarti. due secondi per sederti, viene il capo a sollecitarti. Non ti resta che sbrigarti: tre secondi per alzarti, due secondi per vestirti, se hai fortuna puoi pulirti e corri subito a lavorar.

Indicazioni bibliografiche

Fo Dario, LP Ci ragiono e canto 4, vol.3, Il Giullare  CTC A77 07, 1977

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Dario Fo
Anno: 
1972
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30