titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Siamo al guinzaglio del capitale

Tu che sei stato per otto ore a controllare lo stesso congegno, ad azionare la stessa leva, ad aspettare lo stesso segno, tu che sei stato per otto ore intento a premere lo stesso bottone, lasci la fabbrica mezzo abbagliato, un solo rumore ti spacca il cervello; e tutto questo non è che un anello della catena a cui sei legato. Il tuo padrone ti vuole operaio nella sua fabbrica e in ogni momento, ti ha costruito vicino al lavoro persino un piccolo appartamento; per i tuoi figli c'è poi l'asilo, per i più grandi c'è il corso aziendale ma se tu scioperi, questo è un gran male, perdi il tuo posto, perdi la casa, perde tuo figlio il corso aziendale; e se ti cerchi un altro lavoro, un'altra casa, un altro alveare, peggio di un cane ti vedi cacciare; vivi col marchio del dissociato, sei un elemento indesiderato, tu sei finito, ma non vuoi dir niente: la produzione non ne risente. Siamo al guinzaglio del capitale, non puoi più vivere, non puoi pensare, siamo al guinzaglio del capitale, non sei più libero neanche di amare. La corda è lunga, ma è un'illusione, bisogna uscire da questa prigione, la corda è lunga, ma in Asia e in Angola la tiran più forte, ti arriva alla gola. Quaranta milioni di nasi puntati tutte le sere sul televisore, quaranta milioni di anonima gente che scorre fra i banchi dei supermercati, la sensazione di essere qualcosa con l'automobile che paghi a rate... Per farci tacere, per farci star buoni un solo mezzo hanno i padroni: rubano in Asia, in Venezuela, ammazzano in Vietnam, in Congo e in Bolivia, nel Medio Oriente e giù in Rhodesia a Santo Domingo e in Indonesia; là si presentano quali essi sono, senza la maschera del padre buono. Siamo al guinzaglio del capitale... E questa pace tanto auspicata, e questa pace tanto lodata, e questa pace che vuole il padrone si concretizza nell'oppressione; questi vent'anni di coesistenza sono vent'anni di cieca violenza contro chi suda, chi è sfruttato, chi del potere è sempre privato. A tutto questo una sola risposta: avanti, popoli, alla riscossa! La lotta esiste, non è un'illusione, abbatteremo un giorno il padrone, la lotta esiste, facciamo la storia non può finire che con la vittoria.

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Canzoniere Pisano
Anno: 
1969
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30