titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Sento il fischio del vapore

Sento il fischio del vapore, l'è il mio amore che 'l va via, Sento il fischio del vapore, l'è il mio amore che 'l va via, e l'è partito per l'Albania, chissà quando ritornerà! e l'è partito per l'Albania, chissà quando ritornerà! Ritornerà sta primavera con la spada insanguinata; Ritornerà sta primavera con la spada insanguinata; e se mi trova già maritata, oh che pena, oh che dolor! Oh che pena, oh che dolore, che brutta bestia è mai l'amore! Oh che pena, oh che dolore, che brutta bestia è mai l'amore! Starò piuttosto senza mangiare, ma l'amore lo voglio far. Lo voglio far mattina e sera finchè vien la primavera; Lo voglio far mattina e sera finchè vien la primavera; la primavera è ritornata, ma il amore m'ha abbandonà. Mi hanno rinchiuso in un convento e mi han tagliato i miei capelli; Mi hanno rinchiuso in un convento e mi han tagliato i miei capelli; ed eran biondi e ricci e belli, m'han tagliato le mie beltà

Do Sento il fischio del vapore, Sol7 Do l'è il mio amore che 'l va via, Sento il fischio del vapore, l'è il mio amore che 'l va via, Do e l'è partito per l'Albania, Sol7 Do chissà quando ritornerà! e l'è partito per l'Albania, chissà quando ritornerà! Ritornerà sta primavera con la spada insanguinata; Ritornerà sta primavera con la spada insanguinata; e se mi trova già maritata, oh che pena, oh che dolor! Oh che pena, oh che dolore, che brutta bestia è mai l'amore! Oh che pena, oh che dolore, che brutta bestia è mai l'amore! Starò piuttosto senza mangiare, ma l'amore lo voglio far. Lo voglio far mattina e sera finchè vien la primavera; Lo voglio far mattina e sera finchè vien la primavera; la primavera è ritornata, ma il amore m'ha abbandonà. Mi hanno rinchiuso in un convento e mi han tagliato i miei capelli; Mi hanno rinchiuso in un convento e mi han tagliato i miei capelli; ed eran biondi e ricci e belli, m'han tagliato le mie beltà

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Probabilmente ispirato dalla spedizione italiana in Albania del 1914 ed inserito nel clima antimilitarista della Settimana Rossa, questo canto ci viene tramandato da Giovanna Daffini, mondina e cantastorie.

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31