titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Sentite, buona gente

Sentite, buona gente, un fatto di dolore d'un povero prigioniero che mi commuove il cuore. Trovandosi ammalato e non riconosciuto, ed il tenente ingrato invece l'ha battuto. E mentre lo batteva correva in camerata: «Non mi vedrai mai più, o madre desolata». Vigliacco d'un tenente, non vuole dire il vero, tenta di far morire il povero prigioniero. Vigliacco d'un tenente, ha il cuore di un leone, meriteresti il fronte o la fucilazione.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

Canto di risaia, di compianto per un prigioniero austriaco internato nel campo di concentramento di Ramezzana, a 3 km da Trino Vercellese; racc. da S. Liberovici a Trino Vercellese, informatrici un gruppo di mondine. (Maria Rollero)

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Il folk italiano. Canti e ballate popolari, Newton Compton, Roma, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Tags:  carcere/confino
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30