titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Se non ci ammazza i crucchi

Se non ci ammazza i crucchi, Se non ci ammazza i bricchi, I bricchi ed i crepacci E il vento di Marenca, Se non ci ammazza i crucchi, Se non ci ammazza i bricchi, Quando saremo vecchi Ne avrem da raccontar Quando saremo vecchi Ne avrem da raccontar Se non ci ammazza i crucchi... La mia mamma la mi diceva Non andare sulle montagne Mangerai sol polenta e castagne Ti verrà l'acidità Mangerai sol polenta e castagne Ti verrà l'acidità La mia morosa la mi diceva Non andare con i ribelli Non avrai più i miei lunghi capelli Sul cuscino a riposar Non avrai più i miei lunghi capellì sul cuscino a riposar Se non ci ammazza i crucchi... Questa notte mi sono insognato Ch'ero sceso giù ibn città, C'era mia mamma vestita di rosso Che ballava col mio papà C'era mia mamma vestita di rosso Che ballava col mio papà C'era i tedeschi buttati in ginocchio Che chiamavano pietà C'era i tedeschi buttati in ginocchio Che chiamavano pietà C'era i fascisti vestiti da prete Che scappavan di qua e di là C'era i fascisti vestiti da prete Che scappavan di qua e di là Se non ci ammazza i crucchi...

Do Sol7 Se non ci ammazza i crucchi, Do Se non ci ammazza i bricchi, Sol7 I bricchi ed i crepacci Do E il vento di Marenca, Se non ci ammazza i crucchi, Se non ci ammazza i bricchi, Quando saremo vecchi Ne avrem da raccontar Quando saremo vecchi Ne avrem da raccontar Se non ci ammazza i crucchi... Do Sol7 Do La mia mamma la mi diceva Sol7 Non andare sulle montagne Do Mangerai sol polenta e castagne Sol7 Do Ti verrà l'acidità Mangerai sol polenta e castagne Ti verrà l'acidità La mia morosa la mi diceva Non andare con i ribelli Non avrai più i miei lunghi capelli Sul cuscino a riposar Non avrai più i miei lunghi capellì sul cuscino a riposar Se non ci ammazza i crucchi... Questa notte mi sono insognato Ch'ero sceso giù ibn città, C'era mia mamma vestita di rosso Che ballava col mio papà C'era mia mamma vestita di rosso Che ballava col mio papà C'era i tedeschi buttati in ginocchio Che chiamavano pietà C'era i tedeschi buttati in ginocchio Che chiamavano pietà C'era i fascisti vestiti da prete Che scappavan di qua e di là C'era i fascisti vestiti da prete Che scappavan di qua e di là Se non ci ammazza i crucchi...

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

LA "leggenda" narra che questa canzone sia stata raccolta da Dario Fo in un'osteria della Val Travaglia (taluni dicono che sia appunto una leggenda, e che Fo abbia composto personalmente questo canto)

Indicazioni bibliografiche

Savona A. Virgilio, Straniero Michele L., Canti della Resistenza italiana, Milano, Rizzoli, 1985

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Tags:  antifascisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31