titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

San Basilio Rivolta di classe [Rivolta di classe]

La casa compagni si prende l'abbiam gridato tante volte e dopo la si difende da padroni e polizia come quei giorni giù a San Basilio dove noi eravamo a difendere le nostre case, si le nostre perchè noi le avevamo occupate Ma questo fatto rodeva al governo voleva fermarci col sangue e tu Berlinguer, vergogna! Hai gridato alla guerra tra poveri ma nelle fabbriche e nei quartieri gli operai erano ormai organizzati e decisi a riprendersi tutto quello che gli avevano rubato Noi non abbiamo paura noi non abbiamo paura ci mandano la polizia compagni spazziamola via e tutto il quartiere che lotta e tutto il proletariato si combatte contro i celerini si combatte contro lo stato uno stato che adesso ha paura non riesce più a controllare le lotte degli operai che adesso fanno da soli se ci danno la cassa integrazione facciamo l'autoriduzione facciamo le 35 ore, nei reparti sabotiamo il padrone e dietro le barricate ci sono donne e bambini che lanciano sassi e che gridano "Celerini assassini" Ma ad un tratto in una barricata si sentono degli spari un compagno è caduto a terra un compagno con un casco rosso ha una pozza di sangue sul petto hanno detto si chiama Fabrizio un compagno dei nostri di Tivoli uno dei Comitati Operai non era un eroe né un santo era solo un bravo comunista che lottava da anni ed è morto per il comunismo non dobbiamo piangere compagni lo dobbiamo soltanto vendicare alla violenza dello stato rispondiamo proletariato armato Noi non abbiamo paura non abbiamo soltanto bandiere e oggi abbiamo risposto questa volta a scappar siete voi e tutti i compagni hanno visto quel capitano P.S. cadere a terra mani in faccia gridare "Oddio sparano anche loro" e dalle radio pantere si sentono voci concitate un agente ferito al ventre un altro con un buco nel torace Forza compagni lottiamo! Forza compagni attacchiamo! la nostra rivolta di classe qui a San Basilio iniziamo un compagno c'hanno ammazzato gli hanno sparato nel cuore ma c'è il nuovo proletariato colpirà al cuore dello stato e a chi ci vuol disarmare rispondiamo con la lotta armata Autonomia Operaia Organizzata per la rivoluzione avete scelto la guerra ebbene che guerra sia partito e soviet compagni e noi la vinceremo vinceremo, vinceremo!

Informazioni

Nel 1974 il movimento per il diritto della casa a Roma, e in particolare nella borngata di San Basilio, era molto forte. Quando, il 5 settembre, la polizia inizia a sgomberare le 150 case occupate (da altrettante famiglie), scatta la resistenza della popolazione che si oppone al tentativo di sgombero. Le manifestazioni e gli scontri si protraggono fino all'8 settembre, quando durante una manifestazione la polizia uccide con un colpo di pistola al petto Fabrizio Ceruso, giovane militante del Comitato Proletario di Tivoli, di diciannove anni.

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento Roma, scontri a San Basilio per la lotta sulla casa (8 September 1974).

Scheda del canto

Tags:  sociali
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30