titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Questa democrazia

Ammesso e non concesso che l'italiano medio è un poco fesso è democratico, ma è un gran pericolo lasciar permettere troppe libertà. Abbiam la libertà di esporre i panni al vento nell'ore consentite dal regolamento Abbiam la libertà di attraversare i viali fruendo delle strisce pedonali. D'appenderci sui tram al mancorrente di scendere e salire ripetutamente. Di far firmare il padre o chi ne fa le veci ed innalzare al cielo laudi e preci. Eppoi la libertà, dove la mettiamo d'emettere un assegno, di sporgere reclamo, d'evadere le pratiche emarginare i codici estendere le analisi estinguere i depositi? Ammesso e non concesso che l'italiano medio è un poco fesso dovete credere è un gran pericolo lasciar permettere troppe libertà. La libertà di sesso di mistificazione d'accattonaggio di supposizione. La libertà di moto e, questo ci conforta, la libertà di palpo e manomorta. La libertà di fumo la libertà d'ingresso quella d'affermare «c'accà nisciuno è fesso!» Di stendere verbali spedire contrassegno, la libertà di nuoto e tiro a segno. D'emettere cambiali condurre cani sciolti di tutelar minori capovolti. Di battere primati di catturare vermi di far votare suore, frati e infermi. Ammesso e non concesso che l'italiano medio è un poco fesso è democratico, ma è un gran pericolo lasciar permettere troppe libertà. E non abbiam parlato di libertà di stampa la carta ed i caratteri nessun vi mette zampa. E poi la libertà cosiddetta di pensiero: poter pensare un gatto od un veliero! La libertà di sogno: sognare donne nude d'andare in aeroplano alle Bermude, eppoi la libertà che a queste s'accompagna è di salir lassù sulla montagna. E là in questa Italia che al rosso dei vulcani accosta il verde degli ippocastani e il magico candore delle sue nevi annali che cosa ci consentono le autorità centrali? La libertà più bella potete qui trovare è quella di sciare sciare sciare sciaaareee !

Re- La7 Ammesso e non concesso Re- che l'italiano medio è un poco fesso Sol- Do Fa è democratico, ma è un gran pericolo La7 Re- lasciar permettere troppe libertà. Re- La7 Re- Abbiam la libertà di esporre i panni al vento Sol- Do Fa nell'ore consentite dal regolamento Sol- Re- Abbiam la libertà di attraversare i viali Sol- La7 fruendo delle strisce pedonali. D'appenderci sui tram al mancorrente di scendere e salire ripetutamente. Di far firmare il padre o chi ne fa le veci ed innalzare al cielo laudi e preci. Do Fa Eppoi la libertà, Do dove la mettiamo Fa d'emettere un assegno, Sol- Do di sporgere reclamo, Fa d'evadere le pratiche Sol- Do emarginare i codici Fa estendere le analisi Sol- La7 estinguere i depositi? Ammesso e non concesso che l'italiano medio è un poco fesso dovete credere è un gran pericolo lasciar permettere siffatte libertà. La libertà di sesso di mistificazione d'accattonaggio di supposizione. La libertà di moto e, questo ci conforta, la libertà di palpo e manomorta. La libertà di fumo la libertà d'ingresso quella d'affermare «c'accà nisciuno è fesso!» Di stendere verbali spedire contrassegno, la libertà di nuoto e tiro a segno. D'emettere cambiali condurre cani sciolti di tutelar minori capovolti. Di battere primati di catturare vermi di far votare suore, frati e infermi. Ammesso e non concesso che l'italiano medio è un poco fesso è democratico, ma è un gran pericolo lasciar permettere troppe libertà. E non abbiam parlato di libertà di stampa la carta ed i caratteri nessun vi mette zampa. E poi la libertà cosiddetta di pensiero: poter pensare un gatto od un veliero! La libertà di sogno: sognare donne nude d'andare in aeroplano alle Bermude, eppoi la libertà che a queste s'accompagna è di salir lassù sulla montagna. E là in questa Italia che al rosso dei vulcani accosta il verde degli ippocastani e il magico candore delle sue nevi annali che cosa ci consentono le autorità centrali? La libertà più bella potete qui trovare è quella di sciare sciare sciare sciaaareee !

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Jona Emilio, Straniero Michele L., Cantacronache - Un'avventura politico-musicale degli anni cinquanta, Torino, Crel, 1996

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Tags:  satirici
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30