titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Quand 'riva 'l cald

  • Ivan Della Mea
Autore testo:  Ivan Della Mea
Anno: 
1966

Quand riva 'l cald, mi riessi no a dormì e troeuvi pu la strada de 'ndà a cà, riva la nott e mi son an'mò in gir piazza del Domm, Lorett de chi e de là. Cosa te diset (se te frega a ti? ) Speta compagno, mi voeuri cuntà quel che gh'hoo vist, speta, l'alter dì cioè l'altra nott e tant per no sbajà. Sagrat del Domm, la vuna, giò per terra gh'è un giuinott de quej consciaa a l'artista che scriv tranquill: «Sia guerra alla guerra». Cosa te diset? A sì, a l'è un trotskista. Quand l'ha finii l'è 'ndaa 'rcivescovado, g'ha scritt sul mur: «Padroni al macello». bel ciar e nett, ma ti cosa te diset? Ah sì, l'è vun del grupp Falce e Martello. L'è tornaa indree fino in Tommaso Grossi là 'ndove 'l tram el svolta giò a sinistra. Perché te ridet? Ah sì. Quaderni Rossi, eh già, 'l g'ha scritt: «No al centro-sinistra!» Mes'ora a pee, Milan l'è on gran paes; l'ha tiraa el fiaa domaa in Piazza Argentina; fiadi anca mi lu 'l scriv: «Viva la Cina». Tas lì, ho capìi, quel lì a l'è on cines. Metes d'acord: alora l'è un trotskista oppure vun del grupp Falce e Martello, magari anca dei Quaderni Rossi, Classe Operaia, cines o stalinista... La verità, compagni, (e questo è il bello ! ) quel giuin là, è solo comunista... Dare etichette è sempre da coglioni, chi ci guadagna poi sono i padroni, a meno che il gioco sia finito, e allora ci guadagna anche il Partito.

Do La- Quand riva 'l cald, mi riessi no a dormì Re Sol e troeuvi pu la strada de 'ndà a cà, Do La- riva la nott e mi son an'mò in gir Re Sol piazza del Domm, Lorett de chi e de là. Cosa te diset (se te frega a ti? ) Speta compagno, mi voeuri cuntà quel che gh'hoo vist, speta, l'alter dì cioè l'altra nott e tant per no sbajà. Sagrat del Domm, la vuna, giò per terra gh'è un giuinott de quej consciaa a [l'artista che scriv tranquill: «Sia guerra alla [guerra». Cosa te diset? A sì, a l'è un trotskista. Quand l'ha finii l'è 'ndaa 'rcivescovado, g'ha scritt sul mur: «Padroni al macello». bel ciar e nett, ma ti cosa te diset? Ah sì, l'è vun del grupp Falce e Martello. L'è tornaa indree fino in Tommaso Grossi là 'ndove 'l tram el svolta giò a [sinistra. Perché te ridet? Ah sì. Quaderni Rossi, eh già, 'l g'ha scritt: «No al [centro-sinistra!» Mes'ora a pee, Milan l'è on gran paes; l'ha tiraa el fiaa domaa in Piazza [Argentina; fiadi anca mi lu 'l scriv: «Viva la Cina». Tas lì, ho capìi, quel lì a l'è on cines. Metes d'acord: alora l'è un trotskista oppure vun del grupp Falce e Martello, magari anca dei Quaderni Rossi, Classe Operaia, cines o stalinista... Re La verità, compagni, Sol e questo è il bello! Re quel giuin là, Sol è solo comunista... Dare etichette è sempre da coglioni, chi ci guadagna poi sono i padroni, a meno che il gioco sia finito, e allora ci guadagna anche il Partito.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Della Mea Ivan, Io so che un giorno, Edizioni del Gallo, Milano, 1966

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Ivan Della Mea
Anno: 
1966
Tags:  comunisti, satirici
Lingua:  milanese
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31