titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Pozzanghere

Pozzanghere pe' prati de borgata era piovuto e me ce so' specchiata era piovuto sulla terra secca come la vita mia da regazzetta 'na vita de baracca ar cardo e ar gelo e pe' compagno solamente er cielo. Me ce specchiai pe' 'na giornata 'ntera per aspettà le stesse della sera. Daje Nenna mettete a cantà che 'sta pioggia odora de lillà. Pozzanghere che poi pe' tanto tempo ciò visto solo case de cemento te toccava lavorà giorno pe' giorno senza più er tempo de guardasse 'ntorno te tocca lavorà e 'n te frega niente de guardà nella faccia della gente e er sole 'n celo te fa sentì stanca quanno che piove vedi solo fanga. Daje Nenna mettete a cantà che 'sta pioggia odora de lillà. Pozzanghere che torneno a stagione Me so' trovata vecchia e nun so come e nun so come er passo s'è fermato. Ma er core me sbattè forte da capo stavo a 'n cantone e me vortai 'n momento e vidi tante strade e tanto vento e tante pozze d'acqua sur sentiero 'ndo che la fanga è mescolata ar cielo. Daje Nenna mettete a cantà che 'sta pioggia odora de lillà.

Indicazioni bibliografiche

Nebbiosi Gianni, Mentre la gente se crede che vola, Intingo, 1974

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Gianni Nebbiosi
Anno: 
1974
Tags:  sociali
Lingua:  romanesco
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31