titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

O piscatore rivoluzionario

La luna sponta chiara all'orizzonte ed ogni piscatore sta a piscà ma c'è nu piscatore solitario e quel che cerca proprio non si sa. Dice che vuole un pesce molto strano che non è il pesce gatto il pesce cano dice che vuole un pesce raro e bello il pesce, cari miei, falce e martello. C'è chi pesca con la banda - e gli piace il pesce spranga chi dell'esca se ne frega - pesca sempre il pesce sega c'è chi pesca con la bomba - e se pija el pesce tomba c'è chi vuole arrivà prima - e se becca 'na sardina. Attenzione con la lenza... cari miei ce vo pazienza. Lu piscatore pisca 'n coppa a' barca la luna già calante se ne va en core lui se sente preoccupato magari questo pesce non ci sta. Ma no ci deve stare per davvero e intento butta un pesce rosso e nero. Di colpo tra gli scogli dl corallo lui vede che s'aggira un pesce giallo. Pesce giallo pesce giallo - chi riesce più a pescallo si confonde con il fondo - e magari è un pesce biondo e riguardo al pesce barba - che volete nun me garba ed in quanto al pesce rosa - è una pesca velenosa. Attenzione con la lenza... cari miei ce vo pazienza.

Indicazioni bibliografiche

Manfredi Gianfranco, LP La crisi, Spettro, 1974

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Gianfranco Manfredi
Anno: 
1974
Tags:  satirici
Lingua:  napoletano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30