titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Noi de borgata

So' fanello e so' de Pietralata tredici anni co' quarche mese in più. E da quando la scola m'ha cacciato, co' la vita me ce trovo a tu per tu. C'è mi padre che nun me dice gnente e poraccia mi madre c'ha da fa, semo parte de tanta pora gente che da sempre s'è lasciata annà. Respiranno l'aria de borgata quarche vizio l'ho imparato già co' le mejo lenze de la strada me la faccio e spazio in libertà. Drento casa regna lo squallore ce sto quanno è pronto da magnà, che mi madre a casa de 'e signore se guadagna annanno a lavorà Li regazzi della vita bella a guardie e ladri se mettono a giocà, noi de borgata si ce dice zella le guardie vere e vengono a pijà, C'ho n'amico all'Aristide Gabelli ce l'hanno messo perchè annava a rubbà de la frutta scavarcanno li cancelli de 'na grossa e vasta proprietà. Respiranno l'aria de borgata sempre duro è il prezzo da pagà, tanto mejo lenze de la strada stanno drento a piagne libertà. Er maestro: "Vai a lavorare, l'istruzione non nun fa pe' te". Quer giudizio me sta a fa aspettare che la legge se beve puro a me. Miracolata nell'economia, l'Italia nostra è ricca a profusio', te fanno intenne co' 'sta litania giornali, radio e televisio'. Noi de borgata nun credemo a gnente, la vita amara continuiamo a fa', tanto benessere sarà pe' l'artra gente, l'Italia ricca nun ce po' cojonà. Quarcheduno ce viene a predicare l'uguaglianza e la fraternità. a 'na fede ce vonno convertire preti, bizzocchi e fiji de papà. Qui se lotta pe' la sopravvivenza le parole nun possono bastà, nemmeno la divina provvidenza boni boni potemo sta' a' aspettà. Questurini, giudici, avvocati, pilastro primo de 'sta società. sete i nemici nostri più accaniti, perseguitate miseria e povertà; cani fedeli delle istituzioni, le rogne nostre ve stanno a fa' scialà, ve sete fatti grasse posizioni ma la borgata nun se scorderà. Se scoppiasse la rabbia qui in borgata, che ognuno se porta dentro ar cor, gente bene, onesta e raffinata, la vostra vita 'n avrà nessun valor. La giustizia, quella popolana, er giorno vie' che ve raggiungerà, la borgata allora s'arisana col lavoro e nella libertà.

Informazioni

L'autore è un operaio del quartiere Trionfale, di Roma.

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Armandino Liberti
Anno: 
1973
Tags:  sociali
Lingua:  romanesco
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31