titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

'Na volta me ricordo

'Na volta me ricordo no gera rose e fiori ma almanco i cantieri ne dava da lavorar I turni la sirena i colpi de marteo faseva un bel bordeo po' tuto s'à fermà Se ga fermà i reogi se ga fermà i lavori fora dai cantieri fora i ne ga mandà Se 'ndava a la Giudeca a lavorar da Stuky e dopo tanti sachi i ne ga licensià Barconi caricava montagne de farina i galegiava apena bianchi come el pan I silos gera pieni de gran salo e maturo Stuky pien de oro! i ne lo ga svodà E anca a Dorsoduro co' 'n altro maleficio bondì cotonificio i ne lo ga serà Gavevimo i teeri coton per far la stofa adeso femo la mufa senza più lavorar I ne ga dito done ste' casa a far i fioi l'omo porta i schei no' steve lamentar Semo de Canaregio ne toca de 'ndar fora magari a Marghera a farse infumegar Un popolo de bando xe fiapo e avilio che musi a Castelo xe ora de cambiar Cambiemo che xe ora metemose de sesto femo femo presto salvemo 'sta cità

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Canzoniere Popolare del Veneto, L'Aria, Cetra, 1977

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Alberto D'Amico
Anno: 
1977
Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30