titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Muri alti e inferiàe

Muri alti e inferiàe l'aria passa rusinìa no passava le giornàe e mi gero soterà. Ma che mal la prima volta xe 'na piera messa in gola mi piansevo su la malta e me se marsiva el fià Te scrivevo: "mama a Santa Maria(*) giuro vecia mia no ghe torno più". Costa schei la galera ogni crosta che se magna quando che se torna fora el xe un conto da pagar; ma mi fora gero neto e i m'ha sequestrà la roba g'ho sigà g'ho spacà tuto e in galera so' tornà. Te scrivevo: "mama xe stà 'na passìa giuro vecia mia no ghe torno più". Xe 'na libertà che pesa quando che se torna fora se se compra 'na camisa e se spera de cambiar; ma d'inverno 'na matina col caìgo dentro in boca g'ho robà un paltò de lana e in galera so' tornà. La giustissia mama m'ha ciapà la gola de 'sta malatìa no me salvo più.

Indicazioni bibliografiche

D'Amico Alberto, Ariva i barbari, Edizioni del gallo, 1973

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Alberto D'Amico
Anno: 
1973
Tags:  carcere/confino
Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30