titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Mostar

Autore testo:  Lalli
Anno: 
1998

Nessun rumore e anche il cecchino si dev'essere stupito Senti la neve? Senti la neve? Lavoravo qui con mio padre e un pezzo di quel ponte, sai, era anche mio, e di un poeta che non voleva morire per i confini dei potenti Senti la neve? senti la neve? Solo l'odio e le cicatrici, diceva, ci sarebbero venuti dietro per sempre con le nostre ombre come le nostre ombre, come le nostre orme sopra la neve Com'è fredda qui tra le mie dita Senti la neve? Senti la neve? Un colpo dietro l'altro ha coperto tutto ha coperto tutto ma non proprio tutto adesso i miei occhi vedono tutto bianco, senza confini, vedono tutto quello che non c'è più, ci distinguo ancora la luna, ma sono così stanco ora, adesso mi riposo un po' qui sulla neve Senti la neve? Senti la neve?

Indicazioni bibliografiche

 CD, Tempo di vento, Manifesto Cd - 1998

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Lalli
Anno: 
1998
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30