Me pare

Me pare, un omo in gamba de quarant'ani morto de silicosi in poco tempo el ga lassà me mare e quatro fioi e mi el più vecio de undes'ani. El ga fato la guera d'Africa e do ani de concentramento invalido, co 'na pension da fame el xe tornà in fornasa a sofiar vero. Me mare, par tirar avanti, la faseva la lavandera dai paroni e mi al dopopranso andavo in riva a scaricar peate par le fornase. Gavevo diese ani e el me maestro diseva che venivo su ben «Un bravo fio, pien de giudissio, el farà strada ne la vita». E adesso che me pare el xe morto go ciapà el so posto drio ai forni, vanto quatro schei ma so che un giorno sarò anca mi maestro sofiatore. E magari, sensa 'n'altra guera visto che lavoro par diese ore e che respiro vero note e giorno andarò presto in tomba co me pare.

Informazioni

La silicosi è tra le prime cause di morte dei vetrai soffiatori di Murano.

Indicazioni bibliografiche

Bertelli Gualtiero, Nina, Edizioni del gallo, 1977

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Gualtiero Bertelli
Lingua:  veneto
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale ( maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
 
 
12
 
13
 
14
 
15
 
 
 
 
19
 
 
21
 
22
 
 
24
 
 
26
 
 
28
 
29
 
30