titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Lu suldate che va a la guerre

Lu suldate che va a la guerre magne e beve e dorme 'nterre, nghe 'na botta de cannone, bim bum bom è fenite lu battaglione. Ticche ticche ticche ticche, simbre povere e mai ricche, e la guerre 'nte dà niente, te fa sole ji a muri. E t'arrimpiche a la trincee ndè nu ranceche ammonte ppe lu mure, o 'sta vite quant'è dure, è dure pure pe' muri. Se te scoppie na grenare, na grenare lo vicine, nen t 'accite , o porco boia, e la morte è lente a veni.

Per il presente canto sono disponibili le seguenti traduzioni:

Informazioni

Dallo spettacolo "Ci ragiono e canto", a cura di C. Bermani, F. Coggiola, portato in scena da Dario Fo nel 1966.

Indicazioni bibliografiche

Nuovo Canzoniere Italiano, CD Ci ragiono e canto, Ala Bianca, 1996

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  abruzzese
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30