titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Lu patruni è suverchiu

Parlu 'cù vuatri 'cà diciti sempri: "Chiamati patri a 'cù vi duna pani" io vi dicu 'cà 'unn'è veru nenti ma siti viatri chi 'cù li vostri manu 'ci dati pani, cumpanaggiu e vinu 'cù lu travaggiu di lì vostri vrazza campanu iddi chi sù 'na brutta razza. (parlato): Un sulu patri avemi ed è lù sule, cù li raggi e lo sò caluri feconda la terra, nostra madre naturale, tutti l'autri un sù patri, ma sù patruna e l'ù patruni è 'n'male vecchiu. Ci vonnu chiddi chi pigghianu pisci di lù mari, ci vonnu chiddi chi aisanu 'li casi, ci vonnu chiddi chi allevanu animali, ma lu patruni no, chiddu è suverchiu.

Per il presente canto sono disponibili le seguenti traduzioni:

Informazioni

Nell' LP 33 giri, edito dai "Circoli Ottobre" di Lotta Continua, Lu patruni è suverchiu.

Indicazioni bibliografiche

Rino De Michele (rino@rinodemichele.org)

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Pino Veneziano
Anno: 
1973
Lingua:  siciliano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31