titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Licenziamo i padroni

E’ cominciata coi cotonifici perchè Felice gli ha tolto il lavoro con gli operai costretti alla fame, e giù nel Libano l’han fatto scappar. “Cari padroni dovete sapere che i proletari sono sempre in crisi, per questo noi non veniamo a trattare e cominciamo con l’occupazion”. De Quarti Paolo, un altro ladrone La Magnadyne mandava in rovina, la Duco e Nobel han chiuso i battenti, Nenni Pietro fregò la Fichet. E tutti quelli che hanno tradito, tutti per nome noi conosciamo: sono quei fessi che tregue han firmato e che le lotte volevan castrar. E tutti quelli che hanno creduto ai burocrati e ai rinnegati sono rimasti sempre fregati e han capito: non bisogna pregar! Ma gli operai continuan la lotta perchè insieme ci sono i compagni, tutta la Valle è solidale, le altre fabbriche si uniscono già. Anche la Eti è uguale a Riva perchè i padroni son tutti dei ladri; ma questa volta qualcosa è cambiato la lotta dura comincia a marciar! Lungo i binari, lungo le strade gli operai conferman la forza e il padrone ha ancor più paura: capi e krumiri fa galoppar... Sant’Antonino quel nove febbraio i proletari han preso le strade, bandiere rosse in testa al corteo ed il padrone incomincia a tremar. In quella lotta eravamo in tanti, la polizia che serve i padroni con la violenza voleva fermarci e le denunce fece fioccar... “Amici cari venite a trattare la stessa barca dobbiamo remare, perchè la crisi ci rende fratelli e tutti insieme dobbiamo pagare”:

Informazioni

Questa ballata dei cotonifici fu composta nel corso delle lotte popolari in Valle di Susa negli anni '70. Si fa riferimento allo sciopero generale di valle del 9/2/1971, giorno in cui si bloccarono le statali; il 7/4/71 in un'altra giornata di lotta vennero invasi i binari alla stazione di Sant'Antonino di Susa; il 5/5/71 gli operai occuparono il cotonificio di Sant'Antonino. Un anno dopo scattarono gli arresti di operai e studenti. Il testo di questa canzone venne composto da tre di loro (Enzo De Bernardi, Ernesto Meyer, Gigi Richetto, sull’aria di “O cara moglie”) e venne cantato per la prima volta da Fausto Amodei.

Indicazioni bibliografiche

Maria Rollero

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Anno: 
1971
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30