titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Lenin e Stalin

Quasi un ventennio è passato Da quando sorge quaggiù Un genio atteso e adorato Come un novello Gesù Ed ogni oppresso cantava Non lagrimando già più Lenin la tua dottrina si diffonde e vola Lenin la tua parola è quella che consola Il dolce sogno santo Della gran città del Sole Che vagheggiava ogni cuore Tu realizzasti quaggiù Lenin il più grand'uomo del mondo sei tu E come il Sole il tuo ideale non si spegne mai più Piomba la belva fascista Sopra ogni gran civiltà L'umanità socialista Or si accingeva a sbranar Ma un uomo tutto d'acciaio Ad aspettarlo era là Stalin di Stalingrado la leggenda vola Stalin fermava il mostro la tua forza sola Gloria sia a te in eterno Senza la tua grande vittoria Ritorna indietro la storia Di due millenni o anche più Stalin il degno erede del gran Lenin sei tu Due vostri pari sopra la terra non verranno mai più Stalin mai più

Re- La7 Quasi un ventennio è passato Re- Da quando sorge quaggiù La7 Un genio atteso e adorato Re- Come un novello Gesù La7 Re- Ed ogni oppresso cantava La7 Mi7 La Non lagrimando già più Re La7 Lenin la tua dottrina si diffonde e vola Re Lenin la tua parola è quella che consola Il dolce sogno santo La7 Della gran città del Sole Re- Che vagheggiava ogni cuore Mi7 La Tu realizzasti quaggiù Sol La Lenin il più grand'uomo Re del mondo sei tu Sol Re E come il Sole La7 Re il tuo ideale non si spegne mai più Piomba la belva fascista Sopra ogni gran civiltà L'umanità socialista Or si accingeva a sbranar Ma un uomo tutto d'acciaio Ad aspettarlo era là Stalin di Stalingrado la leggenda vola Stalin fermava il mostro la tua forza sola Gloria sia a te in eterno Senza la tua grande vittoria Ritorna indietro la storia Di due millenni o anche più Stalin il degno erede del gran Lenin sei tu Due vostri pari sopra la terra non verranno mai più Sol- Re La7 Re Stalin mai più Sol- Re

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Spartacus Picenus, Canti comunisti, Milano, Edizioni del Calendario del Popolo, 1967

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Raffaele Mario Offidani
Tags:  comunisti, sociali
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30