L'educazione civica

Autore testo:  Fausto Amodei
Anno: 
2005

Se tu vuoi mangiarti la mela che c'ha un altro tu fa che rubargliela ma per esser scaltro mettiti a giurare e urlar come un ossesso che quel furto no tu non l'hai mai commesso. Che le accuse sono calunnie e pregiudizi che le prove addotte son solamente indizi poi dichiara per imbrogliar la ragnatela che fu il querelante che rubò la mela. La conclusione sarà la seguente potrai tenerti il maltolto l'ingenuo che ti ritiene innocente vorrà che tu venga assolto. Molti vorranno la tua soluzione non per amor di giustizia ma solo spinti dall'ammirazione per la tua innata furbizia. I furti commessi non sono peccati se non li confessi non ci son mai stati se tu temporeggi qualunque delitto in base alle leggi può esser prescritto. Se tu tieni duro bugia su bugia a tutti è sicuro verrà l'amnesia perciò non temere più sei delinquente più puoi darla a bere e far l'innocente. Se pagar le tasse ti crea qualche disturbo dato che a pagarle ti senti poco furbo tu fa l'evasore ma fallo per intero e dichiara sempre che hai reddito zero. Ma non essere tirchio prevedi grossi esborsi per tributaristi esperti a far ricorsi e metti in bilancio per ogni circostanza le mazzette per la Guardia di Finanza. Così terrai quasi tutti i denari sottratti al fisco rapace avrai il plauso di tutti i tuoi pari ai quali il fisco non piace. Avrai l'invidia palese o nascosta di chi da ingenuo, da onesto avrà pagato ogni tassa ogni imposta che il fisco gli abbia richiesto. Evader le tasse non è un gran reato chi lo contestasse sarebbe isolato c'è chi a viso aperto fa queste asserzioni tra di loro c'è un certo signor Berlusconi. Evade a milioni in quanto ci sono parecchie occasioni d'avere un condono perciò non temere più sei delinquente più puoi darla a bere e far l'innocente. Se rubando in giro ben più di qualche mela col costante impiego di truffe e corruttela se frodando il fisco con piratesche imprese tu diventi il boss più ricco del paese. Ma se un tribunale vuol farti i conti in tasca e dalla bonaccia succede la burrasca resta un solo modo per non pagare ammenda fare dell'intero stato la tua azienda. Entra in politica determinato a usare le televisioni che altri politici ti han procurato per vincere le elezioni. Per scongiurar traversie giudiziarie tu violerai da padrone non solo più delle leggi ordinarie ma anche la costituzione. E da presidente ogni tua porcheria avrà la patente di democrazia perchè chi t'ha eletto t'ha dato il mandato di tenere ben stretto quel che hai già rubato. Perciò è naturale che venga accusato non il criminale bensì il magistrato perciò non temere più sei delinquente più puoi darla a bere e far l'innocente.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

Amodei Fausto, Per fortuna c'è il cavaliere, Nota, 2005

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Fausto Amodei
Anno: 
2005
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale ( maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
 
 
12
 
13
 
14
 
15
 
 
 
 
19
 
 
21
 
22
 
 
24
 
 
26
 
 
28
 
29
 
30