titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Le ore scandiscono il tempo

Le ore scandiscono il tempo, i ritmi son più accelerati, è la catena bestiale, il cervello non esiste più. Urlavo con tutto il mio fiato: «Viva la rivoluzione! Basta con lo sfruttamento, armiamoci contro il padrone!». Mi son trovato qui dentro, con la camicia di forza, chiuso perché protestavo contro il governo e il Decreto: voi pensate che noi siamo oggetti da manipolare, io invece, il mio padrone so che lo devo ammazzare. Sperano di poterci rendere senza cervello né mente, né volontà di sentire, né volontà di lottare; voi pensate che noi siamo oggetti da manipolare, io invece, il mio padrone so che lo devo ammazzare. Pensate pure che noi siamo oggetti da manipolare, io invece, il mio padrone so che lo devo ammazzare; so che lo devo ammazzar.

Informazioni

Moscati Dodi, Gragnani Stefano, LP Con i pugni alzati camminiamo, Folk LP 250, 1970

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Dodi Moscati
Anno: 
1970
Tags:  comunisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31