titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Le guardie hanno bussato

Le guardie hanno bussato stamatina, hanno messo 'n galera la pòra Nina, se pç beccà quattr'anni pe 'n aborto: chi è povera ha da subì 'sto torto Questa è la società, questa è la società che fa pagà alle donne la sua zozza moralità. A tutte, a tutte grido: nun c'è core se ancora pe' 'n aborto noi se more e si nun voi morì c'è la galera, questa è la verità, quella più vera. Come se pò campà, come se pò camà, se poi sur corpo nostro ce comanna 'sta società! Gnente più leggi, gente più galera perchè 'sto corpo e nostro e ci appartiene,] de volè un fijo o no semo padrone, è solo a noi che sta la decisione. Come se pò campà come se pò campà questa è la sola strada per trovà la sessualità. Volemo fà l'amore per l'amore nun mette ar monno fiji a tutte l'ore, volemo comincià a volè bene come ce dice er core e senza pene. Come se pò campà come se pò campà uscimo da 'sti cancelli e prennemoce la libertà.

Informazioni

Sulla melodia della canzone di carcere A tocchi a tocchi

Indicazioni bibliografiche

A. Currà, G. Vettori, R. Vinci, Canti della protesta femminile, contributi per una presa di coscienza d'una nuova cultura rivoluzionaria, Newton Compton Editori, Roma 1977

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Movimento Femminista Romano
Lingua:  romanesco
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30