titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Lassù sui monti

Sono andato l'altro giorno di buon ora a cercare là sui monti la pastora. Quella che lassù nell'erba fresca e bella pascolava i suoi caprini: proprio quella. M'hanno detto che di lì passò un signore che le disse "Pastorella, fai il favore: lascia perdere le favole e gli gnomi, passa alla FederConsorzi di Bonomi!" E così la pastorella fa carriera con i lupi con la faccia nera nera! Io deluso e un po' con l'animo in subbuglio son partito per cercare più lontano la bambina nata il 29 luglio, proprio quando stava maturando il grano. Nata appena, vide lì per prima cosa Mussolini a petto nuda che trebbiava. Ma che colpa aveva lei, povera tosa, d'esser nata quando il grano maturava? E m'ha detto, con la rosa ancora in pugno. "Se rinasco, meglio nascere di giugno!" Ho rifatto un'altra volta la valigia, ho viaggiato e camminato ore ed ore per trovarmi di persona con la Gigia, quella che si dice sia "mala" d'amore. La faccenda, messa in mano a un avvocato, da un bel pezzo aveva avuto causa vinta, e la Gigia l'hanno scorso ha maritato quel tenente che l'aveva messa incinta. Col vestito bianco, comperato a rate, per salvar la faccia della forze armate! Ripartito per trovar la bella bionda che portava i bei capelli come l'onda, l'ho trovata sotto il casco giù in bottega che li aveva ossigenati e messi in piega. E la bella Gigogin che a sedici anni divorziava con ardore giovanile, s'è sposata con un ricco barbagianni che oramai l'ha trasformata in baciapile. E la bella Cinciuncia marusca boia anche lei legge Moravia e poi s'annoia! Ma la sorte, la più tragica e balzana, è la sorte che tocco a Maria Giuana, che si sta curando il fegato a Chianciano e si è messa a bere acqua a tutto spiano. Gioca pure con dei trucchi alla canasta per far su quel po' di grana che la basta per vestirsi, per dormire, far la pappa, ma da anni non assaggia più la grappa. Era chiaro che nel canto popolare da trent'anni è tutto quanto da rifare! E quei canti se li cantino oramai solo i cori polifonici del CAI.

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Fausto Amodei
Tags:  satirici
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31