titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

La rondinella di Mentana

D'infelice campagna racconta i disastri o genti rondinella con l'accento di mesta favella che natura a te in don comparti Quando solchi lo spazio infinito all'aprir della fredda stagione reca ovunque la triste canzone ch'è il lamento del prode che muor Vedi a rivi l'italico sangue che bruttò di Mentana il paese Lo versò l'orgoglioso francese in difesa del Pontefice-re Maledetto di Francia il Signore vil monarca spergiuro il più tristo che al bugiardo Vicario di Cristo sta in difesa di trono e d'altar Ma rammenta o vilissmo Sire quando i Vespri nel siculo suolo fer completa la strage nè uno solo rimaneva onde dir come fu Sappi ancor la tua stirpe codarda deve far la mertata sua fine i destini hanno tutti un confine a anche i troni san far vacillar Torna dopo il tuo volo sospendi sopra 'l suol che die' tomba agli arditi italiani che furono traditi da chi un giorno offrì lor libertà E una prece alle vittime innalza nella dolce gentil tua favella adorabile mia rondinella dolce augel della mesta canzon

Informazioni

La canzone si riferisce all'eccidio di Mentana, nel quale le truppe francesi sperimentarono per la prima volta i nuovi fucili a ripetizione.

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento L'eccidio di Mentana (3 November 1867).

Scheda del canto

Tags:  anticlericali
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30