titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

La pulzella

Qualche donna ha il pregiudizio di non tollerare ancora che quel tipico orifizio che la decora si trasformi in orifizio da signora. Ho cercato la ragione ma la sola che ci sia è che abbian l'ambizione o la mania d'esser anche loro madri di un messia. Una vergine in attesa del suo Angelo Gabriele adottava in sua difesa tante cautele che un bel giorno le eran nate le ragnatele. Fra le altre verginelle come lei c'era lei sola era pura a crepapelle sulla parola era casta a più non posso a squarciagola. Ma una cosa è restar casta solamente a tuo piacere certe volte ciò non basta meglio dovere farlo proprio a un certo punto di mestiere. Perché questa vocazione non andasse alla malora cosa poi che è una questione di un quarto d'ora la pulzella si decise a farsi suora. E sappiamo che le suore benché ciò non sia moderno sono spose del Signore e il Padreterno è uno sposo solamente ad uso esterno. In famiglia st'incidenti sono sempre fra i più brutti ma nel chiuso dei conventi dan buon frutti tanto poi contenta lei contenti tutti. Poi per causa io suppongo della propria abnegazione la pulzella andò nel Congo con la missione di salvare i negri dalla perdizione. Ma quei negri un po' anticristi dopo solo pochi mesi messi su dai comunisti e dai cinesi cominciarono di botto a far gli offesi. È ben noto che un marxista specie poi se è di colore passa per un riformista e un traditore se non ha mai violentato delle suore. La pulzella al monastero ebbe il compito sgradito di aiutare un guerrigliero poco inibito ad assolvere ai doveri di partito. Rinunciare a una mucosa per una rivoluzione non è poi quella gran cosa ma in conclusione quel che conta è soprattutto l'intenzione. La finale è un po' imprevista l'ex-pulzella di carriera non concesse un'intervista né una preghiera alla "Stampa" od al "Corriere della Sera" ma si arruolò fra i branchi di quei negri scesi in piazza per sparare ai para-bianchi della sua razza che eran solo para-culi di ramazza. Si dimostra in conseguenza che per quanto arrugginite le vie della Provvidenza sono infinite per condurre in salvo le anime smarrite.

Indicazioni bibliografiche

Amodei Fausto, Se non li conoscete, Ala Bianca, 1996

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Fausto Amodei
Anno: 
1972
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30