titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

La leva

Gira gira quella leva spingi a fondo quel bottone tu non sai quello che fai tu non sai quello che fai te lo ordina un padrone. Torni a casa con la moto hai la testa che rimbomba riesci a odiare anche i tuoi figli riesci a odiare anche i tuoi figli che ti urlan nelle orecchie. E quell'attimo di sosta che sarebbe la tua vita non ti può più appartenere serve solo a caricare la tua molla che è finita. Gira gira quella leva spingi a fondo quel bottone tu non sai quello che fai tu non sai quello che fai te lo ordina un padrone. C'è tua moglie che ti aspetta anche lei ha le sue esigenze come odi quell'amore quell'amore fatto in fretta poco prima di dormire. Non puoi avere più problemi non ti è dato di pensare devi essere efficiente non ti resta proprio niente neanche il lusso di impazzire. Gira gira quella leva spingi a fondo quel bottone tu non sai quello che fai tu non sai quello che fai te lo ordina un padrone.

La- Do Gira gira quella leva Do7 Fa spingi a fondo quel bottone Do tu non sai quello che fai Re- tu non sai quello che fai Sol7 Do te lo ordina un padrone. Torni a casa con la moto hai la testa che rimbomba riesci a odiare anche i tuoi figli riesci a odiare anche i tuoi figli che ti urlan nelle orecchie. Mi7 Re- E quell'attimo di sosta Sol che sarebbe la tua vita Fa Do non ti può più appartenere Re- serve solo a caricare Sol la tua molla che è finita. Gira gira quella leva spingi a fondo quel bottone tu non sai quello che fai tu non sai quello che fai te lo ordina un padrone. C'è tua moglie che ti aspetta anche lei ha le sue esigenze come odi quell'amore quell'amore fatto in fretta poco prima di dormire. Non puoi avere più problemi non ti è dato di pensare devi essere efficiente non ti resta proprio niente neanche il lusso di impazzire. Gira gira quella leva spingi a fondo quel bottone tu non sai quello che fai tu non sai quello che fai te lo ordina un padrone.

Indicazioni bibliografiche

Pietrangeli Paolo, Mio caro padrone domani ti sparo, Edizioni del gallo, Milano, 1969

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Paolo Pietrangeli
Anno: 
1969
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31