titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

La Comunarda

Furia barricadera degli amori Il tempo en rouge et noir confonde voci e l'alba con la sera en bandolieres I canti comunardi scavano miniere erigono palazzi sui boulevard della collina E coi ragazzi in cima ad alzare un drappo nero sul passato espirato con Lecomte Si fermino all'ora gli orologi oggi inizia un tempo nuovo in questa festa e viva ciò che resta! Abracadabrantesque, scrive il poeta sul selciato in fiamme di Parigi in questa evidente primavera! Baciami Juliette se si fa sera resta Menilmontant resiste ai tuoni e ai lampi dei cannoni E le baionette come un muro su a Montmartre Juliette cantami ancora il canto comunard Il tuo nome è segnato a dito sul vetro forse è questo dio, e al mio soffio si schiude è un volto che ride, o un rigo di luce io rido al tuo riso che mi dice sì. Lo spettro si aggira per le piazze all'hotel de ville in fiamme appare agli orologi a saint Lazare La ghigliottina brucia sotto gli occhi di Voltaire mentre canta Louise Michel mai più carne all'uomo e schiavi ai re. Juliette tu sei la rosa come il pane libertà di maggio antica sposa floreale allez Juliette versami da bere Côtes-du-Rhône di botte scura perché su queste mura si vive o si muore ma senza più paura Il tuo nome è segnato a dito sul vetro forse è questo dio, e al mio soffio si schiude è un volto che ride, o un rigo di luce io rido al tuo riso che mi dice sì. Ton nom est signé du doigt sur la vitre je vois ça c'est dieu, il s'éclot à mon souffle un visage qui rit, une lumière qui s'ouvre moi je ris à ton rire qui me dit oui. E tra i tamburi il soffio di mille respiri canti liberi e stendardi come un cielo suono dei liberi e rumore di corpi vivi tra i tamburi il soffio di mille respiri

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Informazioni

La comunarda è un canto che celebra la comunità eretica e ribelle della Comune di Parigi, un canto di rivolta e di amore, dove le due cose tendono a essere la stessa. E', ancora e sempre, un fatto di visioni. E dunque il poeta sta sulle barricate, anche lui, Arthur Rimbaud, e scrive, scrive parole magiche che facciano accadere e dischiudano mondi (Marco Rovelli)

Indicazioni bibliografiche

Rovelli Marco, cd LibertAria, 2009

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento La comune di Parigi (18 March 1871).

Scheda del canto

Anno: 
2009
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31