titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

La canzone della donna del soldato nazista

Da Praga alla sua donna cosa il soldato regalò Un paio di stivaletti ed un saluto, a lei mandò Questo il soldato le mandò E da Varsavia alla donna cosa il soldato regalò Un bel bustino a colori e che colori, a lei mandò Questo da Varsavia arrivò Da Oslo alla donna cosa il soldato regalò Da Oslo una scarpetta, forse ti piace, a lei, a lei mandò Questo a lei da Oslo arrivò Da Rotterdam alla donna cosa il soldato regalò Da Rotterdam la cuffietta: "come sei buffa!" a lei, a lei mandò Questo dall'Olanda arrivò E da Bruxelles alla sua donna cosa il soldato regalò due pizzi e quattro merletti "che bello averli!", a lei, a lei mandò Questo dalle Fiandre arrivò E da Parigi alla donna cosa il soldato regalò La sottoveste di seta plissé alle amiche, a lei, a lei mandò Questo da Parigi arrivò Da Tripoli alla sua donna cosa il soldato regalò Coralli e un amuleto portafortuna a lei, a lei regalò Questo dalla Libia arrivò Ma dalla gelida Russia, che cosa le arrivò Un velo, un velo da lutto, un velo nero arrivò Dalla Russia arrivò.

Informazioni

Canzone di Bertolt Brecht, traduzione elaborata da Giorgio Strehler di Und was bekam des Soldaten Weib?

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30