titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

La battaglia di San Lorenzo

Il padre di famiglia se ne stava al suo lavoro per guadambiare il pane ai figli loro. O quanta gente ho visto alla stazione, e furon visti: eran quella canaglia dei fascisti. Il treno ferma e non andò più avanti, erano armati peggio dei briganti; s'udiva solo un colpo di moschetto e stramazzava al suolo il poveretto. Disse la mamma allora al figlio suo: E' stato ucciso proprio a papà tuo. Sparsa la voce per la capitale. "combatti" proclamò: sciopero generale! Sti quattro delinquenti co' le facce come er sego portavano la morte e il "me ne frego"; anche noi ce ne saressimo fregati se il governo come a lor ci avesse armati. Ma Roma è sempre stata bolscevica, trionfa sempre, sì, falce martello e spiga

Informazioni

Composta a Roma per ricordare un episodio della resistenza antifascista nella città. Sull'aria di "La leggenda del Piave".

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Tags:  antifascisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30