titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Inno delle tessitrici

Autore testo:  Ernesto Majocchi
Anno: 
1908

Presto, compagne, andiamo, Il fischio già ci chiama Mentre la ricca dama, Satnca d'amoreggiar, Comincia a riposar. Sono le cinque appena, Ma già il padron ci vuole, Ci aspettano le spole; Corriamo a lavorar, Il ricco ad ingrassar. Batti, telaio, in fretta Contro l'affranto seno, Così il padrone almeno Per questo mio penar, Nell'or potrà sguazzar. Se mi si strappa il filo Il Direttor m'insulta E poi con una multa Ei mi dimezza il pan: Non mangerò diman. Noi siamo ognor sfruttate, Noi siamo ognor derise, Sol perché siam divise, Perché non ci associam, Perché non combattiam. Presto, compagne, in lega! Più nulla temeremo Se unite noi saremo; Non dovrem più soffrir, ché nostro è l'avvenir. Compagni socialisti, Alzate le bandiere: Con le ribelle schiere Pur noi vogliam pugnar Il Diritto a conquistar.

Informazioni

Canto raccolto a Torino nel1960, daSergio Liberovici.
L'informatrice lo fa risalire agli scioperi del 1906 per le 10 ore lavorative.

Indicazioni bibliografiche

Vettori Giuseppe, Canzoni italiane di protesta 1794 - 1974, Roma, Newton Compton, 1975

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Ernesto Majocchi
Anno: 
1908
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30