Il giorno dell'eguaglianza

Ci sveglieremo un mattino diverso da tanti e sentiremo un silenzio mai prima ascoltato, spalancheremo finestre e persiane, esitanti, ci accorgeremo che il mondo, quel giorno, è cambiato. E sentiremo che quella mattina è venuta, che porterà sulla terra una vita migliore, che il giorno prima si è chiuso, a nostra insaputa, un tempo triste che non rivedremo mai più. Da quel mattino in poi sapremo finalmente che ciascuno di noi è uguale all'altra gente. Ciascuno, tutt'a un tratto, sarà così capace di dirsi soddisfatto e viversene in pace. Sapremo tutti, da quella mattina in avanti, e penseremo lo stesso di noi e di tutti, d'essere, in fondo, degli ottimi stinchi di santi, e, nello stesso momento, dei bei farabutti. Non ci sarà più nessuno che spinga la gente ad "obbedire, combattere e credere" in lui, e che prometta un Impero a chi fa l'obbediente ed un Inferno a chi, invece, gli dice di no. Così, d'allora in poi, non sarem più costretti a giocare agli eroi, ai reprobi e agli eletti. 'Sto mondo, che ora è pieno di oppressi e di oppressori, 'sto mondo farà a meno di vinti e vincitori. Non ci saranno più martiri, boia e tiranni, saremo tutti un po' santi ed un po' peccatori; non ci sarà più, per molte migliaia di anni, gente che voglia atteggiarsi a nostri tutori. Scompariranno i soldati ed i generali, scompariranno scomuniche, preti e censori, diventeremo un pianeta di esseri uguali dove ciascuno ha rispetto degli altri e di sé. Per essere beati, per vivere contenti, non saremo obbligati a sentirci potenti. Saremo alfine onesti senza essere scaltri, senza che si calpesti la libertà degli altri. Quel giorno, non lontano, faremo un girotondo per le piazze del mondo, tenendoci per mano.

La-6 Fa7 Ci sveglieremo un mattino Mi La-6 Fa7Mi diverso da tanti La-6 Fa7 e sentiremo un silenzio Mi La-6 Fa7La5 mai prima ascoltato, Re-6 Sib7 spalancheremo finestre La7 Re-6 Sib7Mi5 e persiane, esitanti, La-6 Fa7 ci accorgeremo che il mondo, Mi La-6 Fa7Mi quel giorno, è cambiato. E sentiremo che quella mattina è venuta, che porterà sulla terra una vita migliore, Re- Fa-6 che il giorno prima si è chiuso, Mi5 Mi a nostra insaputa, La- Fa Sib un tempo triste che non Re-6 Mi7 rivedremo mai più. La- Re-6 Da quel mattino in poi Sol Sol6 Do+7 sapremo finalmente La- Re-6 che ciascuno di noi Mi7 La- è uguale all'altra gente. Ladim Mi7 Ciascuno, tutt'a un tratto, Re-6 Mi7 LA-4La- sarà così capace Fa LadimMi7 di dirsi soddisfatto La-6 Fa Mi e viversene in pace. Sapremo tutti, da quella mattina in avanti, e penseremo lo stesso di noi e di tutti, d'essere, in fondo, degli ottimi stinchi di santi, e, nello stesso momento, dei bei farabutti. Non ci sarà più nessuno che spinga la gente ad "obbedire, combattere e credere" in lui, e che prometta un Impero a chi fa l'obbediente ed un Inferno a chi, invece, gli dice di no. Così, d'allora in poi, non sarem più costretti a giocare agli eroi, ai reprobi e agli eletti. 'Sto mondo, che ora è pieno di oppressi e di oppressori, 'sto mondo farà a meno di vinti e vincitori. Non ci saranno più martiri, boia e tiranni, saremo tutti un po' santi ed un po' peccatori; non ci sarà più, per molte migliaia di anni, gente che voglia atteggiarsi a nostri tutori. Scompariranno i soldati ed i generali, scompariranno scomuniche, preti e censori, diventeremo un pianeta di esseri uguali dove ciascuno ha rispetto degli altri e di sé. Per essere beati, per vivere contenti, non saremo obbligati a sentirci potenti. Saremo alfine onesti senza essere scaltri, La- Re-7 Re-6Sol7 senza che si calpesti Sl Sol6 Do+7 la libertà degli altri. La- Re-6 Quel giorno, non lontano, Mi7 La- faremo un girotondo La- Fa SibFadim per le piazze del mondo, Mi7 Re-LAdimMi7La-6 tenendoci per mano.

Indicazioni bibliografiche

Jona Emilio, Straniero Michele L., Cantacronache - Un'avventura politico-musicale degli anni cinquanta, Torino, Crel, 1996

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Anno: 
1963
Tags:  comunisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale ( maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
 
 
12
 
13
 
14
 
15
 
 
 
 
19
 
 
21
 
22
 
 
24
 
 
26
 
 
28
 
29
 
30