titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Il creatore e il suo mondo

Messer Domine Iddio dopo tant'anni mostra pietà dei nostri lunghi affanni aperto su nel cielo un finestrino fe' capolino E con un colpo d'occhio da maestro scorse il lato sinistro e il lato destro restò confuso e si rivolse a Pietro che aveva dietro E disse O Pietro o ch'io non son più Dio o che è venuto men l'ingegno mio affacciate e rimira l'universo a tempo perso E Pietro messo il capo al finestrino disse Signor cos'è quel burattino che in Roma vedo di gran pompa ornato e imbavagliato E sorridendo a lui disse il Signore ah Pietro Pietro è il tuo gran successore gli hanno il capo le mani e i piè legati i potentati E con un filo a vicenda se lo girano lo voltano lo piegano e lo aggirano e il popolo ignorante tutto vede eppur ci crede Guarda quei corvi neri appollaiati che van gridando contro gli altrui peccati minacciando ruine e distruzioni come i padroni E poi ... se senti i frati è Dio che li castiga dai peccati tutto s'addossa sulle spalle mie anche le spie E Pietro allor Signor non v'affliggete di tanti mali la cagion non siete sono i principi i frati i preti il papa teste di rapa.

Informazioni

Da: Leoncarlo Settimelli, L'ammazzapreti Canti satirici anticlericali, LP  La Nuova Sinistra - Ed. Savelli  LP 001 

Fonte

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Giuseppe Giusti
Tags:  anticlericali
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Commenti

Ritratto di Roberta - ilDeposito

Il testo è una poesia del poeta risorgimentale toscano Giuseppe Giusti

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31