titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Il Caserio lui davanti al tribunale

Il Caserio lui davanti al tribunale le dice se conosci questo pugnale e sì e sì che lo conosco ha il manico rotondo nel cuore di Carnot lo gettai profondo. Il Caserio lui davanti al tribunale le dice se conosci i suoi compagni e sì e sì che li conosco e ma non dirò mai chi sia io faccio il fornaio e non la spia. Il Caserio lui davanti al tribunale le dice sei pentito del tuo reato se dieci minuti ancora m'avesser dato secondo dei presidenti ne avrei ammazzato.

Informazioni

Il canto viene diffuso nel mantovano, ma il testo è un rimaneggiamento di Partito da Milano senza un soldo.
Il motivo verrà ripreso in alcuni canti partigiani, il più noto dei quali è Quei briganti neri.

Indicazioni bibliografiche

Catanuto S. Schirone F. Il canto Anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Zero in Condotta, Milano, 2009

Condividi

Strumenti

La storia cantata

Questo contenuto è legato all'evento La decapitazione di Sante Caserio (16 August 1894).

Scheda del canto

Tags:  anarchici
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31