titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

I patrioti della Maiella

Siamo i patrioti della Montagna, i disperati senza più tetto, senza famiglia, senza campagna, col cuore a brani nel nudo petto. Ma il cuor non è distrutto, o razza maledetta, e invoca dal Dio pel suo lutto il pugnal della vendetta Tutto ci han tolto, mèsse e bestiame, badili e vesti, casa e paese; hanno lordate le nostre chiese, sputato sopra la nostra fame. Ma il cuor non è distrutto... Ormai per letto nulla ci rest che neve e fango lungo i fossati; e per guanciale sotto la testa l'ossa dei nostri figli ammazzati. Ma il cuor non è distrutto...

Indicazioni bibliografiche

Savona A. Virgilio, Straniero Michele L., Canti della Resistenza italiana, Milano, Rizzoli, 1985

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Alfredo Picconi
Tags:  antifascisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30