titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Ha detto De Gasperi a tutti i divoti

Ha detto De Gàspere a tutti i divoti dàtemi u voto e non ci pinzate. Lu voto chi vua mi date lu paradiso vi l'accattate. Vi l'accattate ppe vitam aeternam jennu raminghi ccu na linterna. A ppe dispietto dei comunisti chi vonno a morte dei capitalisti. I capitalisti nui a ci vulemo si no a sso munnu cume suffremo? 'Bbiato chi soffre, a dissi Piu, di fare soffrire ci pienzo io. Vi fazzu fare na cura sto vierno ma se murite nun gghiate a lu infìerno. A lu infierno arrasusìa. meglio murire di checchisìa. Di checchisìa nun mora a nissuno supa na lunga cura e dijuno. Co'u dijunare sun fatti li santi no co 'u mangiari brutt'ignorante brutte ignorante ch' 'un capisciti chi mi parrati quannu 'un sapete. Quannu 'un sapete chillu chi fazzu m'avete a dire ca signu pazzu. Nun signu pazzu né testa di rapa ca pazzu è chillu chi volu lu papa. Lu papa ha ditto pòari pizzienti salvaci l'anima e tìraci i dienti. Tìraci i dienti ppe non mangiari tàppaci 'a vucca ppe non fumà. Io né li dienti l'aiu tirate e né la vucca m'aiu tappatu. Mi l'aiu lassata ppi cc'incantà avanzi di ziti ppe 'unn'accattà ppe 'unn'accattare nemmenu na sarda ppe penitenza rrobba si guarda. Quannu si guarda c'è l'abbundanza ca pu sperare e t'inchi la panza. T'inchi la panza asciutta si ti lamienti ssi farabuttu. Si farabuttu senza cuscienza a nnomu du papa ti bbenedicu. Ti bbenedicu gran populuni ca si legatu ccu su curdunu. Sii cristiane e statti cuntientu ti salvi l'anima e campi di viento.

Do Ha detto De Gàspere a tutti i divoti Sol Do dàtemi u voto e non ci pinzate. Lu voto chi vua mi date Sol Do lu paradiso vi l'accattate. Fa Do Vi l'accattate ppe vitam aeternam Sol Do jennu raminghi ccu na linterna. A ppe dispietto dei comunisti chi vonno a morte dei capitalisti. I capitalisti nui a ci vulemo si no a sso munnu cume suffremo? 'Bbiato chi soffre, a dissi Piu, di fare soffrire ci pienzo io. Vi fazzu fare na cura sto vierno ma se murite nun gghiate a lu infìerno. A lu infierno arrasusìa. meglio murire di checchisìa. Di checchisìa nun mora a nissuno supa na lunga cura e dijuno. Co'u dijunare sun fatti li santi no co 'u mangiari brutt'ignorante brutte ignorante ch' 'un capisciti chi mi parrati quannu 'un sapete. Quannu 'un sapete chillu chi fazzu m'avete a dire ca signu pazzu. Nun signu pazzu né testa di rapa ca pazzu è chillu chi volu lu papa. Lu papa ha ditto pòari pizzienti salvaci l'anima e tìraci i dienti. Tìraci i dienti ppe non mangiari tàppaci 'a vucca ppe non fumà. Io né li dienti l'aiu tirate e né la vucca m'aiu tappatu. Mi l'aiu lassata ppi cc'incantà avanzi di ziti ppe 'unn'accattà ppe 'unn'accattare nemmenu na sarda ppe penitenza rrobba si guarda. Quannu si guarda c'è l'abbundanza ca pu sperare e t'inchi la panza. T'inchi la panza asciutta si ti lamienti ssi farabuttu. Si farabuttu senza cuscienza a nnomu du papa ti bbenedicu. Ti bbenedicu gran populuni ca si legatu ccu su curdunu. Sii cristiane e statti cuntientu ti salvi l'anima e campi di viento.

ilDeposito.org non fornisce file o audio o registrazioni dei canti presenti ma ci limitiamo a segnalare altri siti dove è possibile ascoltare e/o scaricare i canti.

Link per ascoltare e/o scaricare il canto:

Indicazioni bibliografiche

AA.VV., Avanti popolo - Due secoli di popolari e di protesta civile, Roma, Ricordi, 1998

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  De Marco
Tags:  satirici
Lingua:  calabrese
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30