titolosottotitolo

TwitterFacebookYouTubeMailFeed RSS

Grecia '67

E' quasi l'alba, la notte va ed uno sbirro sveglia mi dà: mi hanno messo le manette e non erano ancora le sette mi hanno messo... Oggi ho perduto la mia libertà ieri l'avevo, ma era morta già: mi hanno detto: galeotto e non erano ancora le otto mi hanno detto... Parlar di pace, ma che senso ha, se chi ha i cannoni guerra farà? Il traghetto già si muove e non erano ancora le nove il traghetto... Addio, amore, non mi rivedrai, da questi scogli non si torna mai: cameroni e mare intorno e non era ancora mezzogiorno cameroni e mare...

Indicazioni bibliografiche

Settimelli Leoncarlo, Ogni giorno in piazza, CEDI, 1968

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Autore testo:  Leoncarlo Settimelli
Anno: 
1968
Tags:  carcere/confino
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale (maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31