E l'avvenire è bello

E l'avvenire è bello pieno di speranze il proletariato è povero in mille circostanze Vanne sui campi la terra a difendere scaccia il borghese l'eterno oppressor A te dolori e palpiti farò il palese appieno mille borghesi giungono a spezzarci il seno Scendi in piazza alza il fronte reclama i diritti in faccia al padron Noi siamo proletari privi di lavoro la guerra vogliam fare al vitello d'oro Vanne sui campi impugna il fucile uccidi il borghese l'uomo il più vile O proletario all'erta il giorno è arrivato d'uccider questa setta da noi maledetta Giura vendetta o proletario contro il borghese l'infame oppressor Repubblicani e preti la differenza è poca i primi sono tiranni i secondi son boia Guerra ai borghesi o proletari per questa infamia non v'è pietà

Condividi

Strumenti

Scheda del canto

Tags:  socialisti
Lingua:  italiano
Inserito da: ilDeposito.org
Note di pubblicazione
I diritti del contenuto sono dei rispettivi autori.
Lo staff de ilDeposito.org non condivide necessariamente il contenuto, che viene inserito nell'archivio unicamente per il suo valore storico, artistico o culturale ( maggiori informazioni).

Newsletter

La Storia Cantata

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
 
 
12
 
13
 
14
 
15
 
 
 
 
19
 
 
21
 
22
 
 
24
 
 
26
 
 
28
 
29
 
30